Crostata alle mandorle e frutti di bosco

Le crostate sono una mia passione. Sono (quasi) l’unica eccezione, perché non amo particolarmente i dolci.

E proprio perché mi piacciono tanto, mi sono intestardita nella ricerca della “ricetta perfetta”, quella buona buona, anche senza l’uso di prodotti animali.

Questa ha incontrato la mia totale approvazione gustativa. E già penso alle numerose varianti…

 

foto-016R

Ingredienti
170 g di farina di grano tenero di tipo 1, 60 g di farina di grano saraceno, 30 g di fecola di patate, un cucchiaio di cacao amaro, 100 g di mandorle, 1/2 cucchiaino di cannella, 8 g di lievito per dolci, 100 g di zucchero di canna, 30 g di olio extravergine di oliva, 30 g di olio di semi di girasole spremuto a freddo, 75 g di acqua, buccia di mezzo limone grattugiata, un pizzico di sale, 220 g circa di confettura di frutti di bosco.

Ho setacciato insieme le farine, il lievito e il cacao. Ho tostato le mandorle in forno fino a leggera doratura, quindi le ho tritate nel mixer e le ho aggiunte alle farine insieme alla cannella e alla buccia di limone grattugiata.  Ho aggiunto infine lo zucchero e il sale, mescolando il tutto con un cucchiaio.

Ho mescolato l’acqua con l’olio e li ho frullati insieme con un minipimer. Ho aggiunto questa emulsione agli ingredienti secchi e ho impastato fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato che ho lasciato riposare per una mezz’ora.

Trascorso il tempo, ho ripreso il panetto di pasta e, dopo averne tenuto da parte un pezzetto, ho steso il resto con l’aiuto di un mattarello. Ho foderato con la sfoglia uno stampo da crostata di cm 24 di diametro e l’ho riempita con la confettura di frutti di bosco.

Ho steso il pezzo d’impasto tenuto da parte e l’ho tagliato in striscioline con cui ho decorato la crostata.

Ho infornato in forno già caldo a 180° e ho cotto la crostata per circa 25 minuti.

Mi era rimasto un pezzetto di impasto che ho usato per fare una crostatina.

foto-012R