Pancarrè al doppio gusto per il “pmday”

La ricetta di questo pane è spuntata da un vecchio quaderno di ricette, uno dei tanti che popolano il mio regno.

Occasionalmente, mi diverto a sfogliarli  – come si fa quando si sfoglia un vecchio album di foto – lasciandomi sorprendere ogni volta da quegli appunti, dalle note, dai ritagli svolazzanti…

Questo pandolce l’avevo già sperimentato in passato e mi era piaciuto molto. Ho riscritto la ricetta, adattandola alla pasta madre, perché l’originale prevedeva il lievito di birra, e ho deciso di ri-produrlo nella nuova versione per celebrare il “pmday14”.

Mmm, due gusti is meglio che uan!

foto-017RS

Ingredienti
120 g di pasta madre, 400 g di farina 0, 200 g di latte, 20 g di cacao amaro, 50 g di zucchero di canna, 60 g di burro fuso, una presa di sale.

Ho sciolto la pasta madre nel latte tiepido, ottenendo un composto schiumoso, a cui poi ho aggiunto la farina, lo zucchero, il burro e per ultimo il sale. Ho impastato per bene, come al solito, poi ho diviso la massa in due parti uguali. Una l’ho messa ben coperta a lievitare, mentre all’altra ho aggiunto il cacao.

L’operazione all’inizio sembra quasi impossibile, ma poi, piano piano e con pazienza, si arriva ad ottenere un impasto scuro abbastanza omogeneo. Ho messo a lievitare anche questo secondo impasto, ben coperto.

Trascorse circa 3 ore, ho steso il primo impasto fino a formare un rettangolo; ho fatto altrettanto con l’impasto al cacao, rispettando la misura del primo, quindi li ho sovrapposti, prima quello bianco, poi quello al cioccolato.

Li ho arrotolati formando una sorta di filone che ho sistemato in uno stampo da pancarrè rivestito di carta forno ed ho lasciato lievitare finché l’impasto non ha riempito quasi completamente lo stampo.

Ho infornato in forno già caldo a 180° fino a cottura.

foto-018RS